Le cure in altri stati membri UE solo per pochi europei

Scritto da   il   Nessun commento

In Unione Europea esiste la possibilità di affidarsi alle cure dei sistemi sanitari di altri paesi membri: tuttavia, di questa interessante opportunità, stando alle cifre pubblicate di recente dalla Corte dei Conti Europea, nel corso di un anno hanno potuto approfittarne soltanto 200’000 cittadini europei, vale a dire, lo 0.05 percento della popolazione. Le principali motivazioni di questo flop sarebbero da ricercare nelle scarse informazioni, nell’eccessiva burocrazia e nell’ostacolo alla trasmissione dei dati sanitari.

In vigore dal 2014, la direttiva che consente di curare malattie particolarmente rare in centri specializzati di altri paesi – in modo particolare per quanto riguarda le cure oncologiche, ortopediche, neurologiche – porta con sé inoltre numerosi problemi, tra i quali, le difficoltà ad ottenere i rimborsi spesa, oppure, le mancate autorizzazioni delle ASL (o comunque i ritardi nella risposta). I paesi che hanno accolto il maggior numero di pazienti di altri stati, nel 2016, sono stati Spagna (46’000) e Portogallo (33’900). L’Italia ha invece accolto 9’300 pazienti.

Copywriter professionista appassionata di tutto ciò che riguarda la bellezza e la moda. Proprietaria del portale GlamChicBold.com.

Commenta... la tua opinione è importante.

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*