Il mondo fino in fondo: recensione

Scritto da   il   Nessun commento

Presentato Fuori Concorso nella sezione “Alice nella Città” al Festival Internazionale del Film di Roma 2013, “Il mondo fino in fondo” arriverà nelle sale cinematografiche dal 30 aprile.
Il film racconta la storia di due fratelli, Loris (Luca Marinelli) e Davide (Filippo Scicchitano), che dopo esser stati abbandonati dalla madre nell’infanzia, cercano di risolvere i propri conflitti interni attraverso un viaggio con destinazione la Patagonia. Si parte da Agro, cittadina tranquilla del nord, dove i due fratelli gestiscono la ditta di famiglia; per poi spostarsi a Barcellona per seguire la squadra del cuore, l’Inter. In Spagna, Davide conosce e s’innamora di Andy, un cileno ed attivista ecologista, che lo invita a seguirlo in Cile. Loris insegue Davide: entrambi dovranno affrontare la difficile realtà cilena.
La Patagonia è solo la meta finale: l’estremo sud del mondo, dove tutto finisce e tutto può riniziare.
Durante il viaggio i due fratelli dovranno confrontarsi con le loro paure e conflitti: Loris dovrà accettare una paternità che lo impaurisce; Davide dovrà affrontare la propria omosessualità.
Esordio alla regia per Alessandro Lunardelli, “Il mondo fino in fondo” è una commedia drammatica piena di spunti di riflessioni e tematiche importanti che vanno dall’omosessualità all’ecologia.
In realtà la sceneggiatura zoppica ed dialoghi arrancano. Le tematiche vengono solo accennate, sfiorate, sottintese. Il viaggio quale espediente per ritrovare sé stessi è un déjà vu che può essere pericoloso se non viene articolato ed approfondito. Così il regista e sceneggiatore Lunardelli non riesce ad armonizzare né a dare un continuum narrativo: come il ghiacciaio della Patagonia si scioglie a causa della non cura da parte dell’umanità per l’ambiente, così il film si sgretola e scivola nella confusione e nella superficialità.
“Il mondo fino in fondo” è un film con molto potenziale, grazie anche ad un buon cast e ad un’ottima fotografia, che non riesce però ad esprimersi.
Il cast si compone di Filippo Scicchitano (“Scialla”), Luca Marinelli (“La solitudine dei Numeri”), Barbora Bobulova, Camilla Filippi, Alfredo Castro, Manuela Martelli, Cesare Serra.

Commenta... la tua opinione è importante.

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*