Salvatores: il ragazzo invisibile dai super poteri

Scritto da   il   Nessun commento

Il regista premio Oscar Gabriele Salvatores ritornerà sul grande schermo con “Il ragazzo invisibile”, film drammatico in uscita l’11 Dicembre 2014.
La pellicola racconta la storia di Michele, un tredicenne che vive a Trieste e che cerca di barcamenarsi tra scuola, sport e primi amori. Michele è il tipico adolescente: non eccelle in nessun campo ed è vittima del solito bullismo. Un giorno però il ragazzo scoprirà di poter diventare invisibile e la sua vita potrà finalmente cambiare.
Il noto regista sceglie con questo film di raccontare il difficile percorso della crescita attraverso gli occhi innocenti dell’adolescente tipico.
Ospite d’onore in questi giorni delle Giornate estive di cinema di Riccione, Salvatores ha spiegato il suo nuovo progetto cinematografico:

“Tutti verso quell’età sentiamo nascere dentro di noi un super potere che non sappiamo bene come usare. Lì c’è da fare una scelta: diventare un adulto o decidere di essere un supereroe”.

Il regista ha anche aggiunto:

“Come diceva Spielberg è il film che avrei voluto vedere da ragazzo. È quel tipo di cinema che mi ha poi fatto scegliere di fare il regista”.

“Il ragazzo invisibile” però non è solo un film per e sugli adolescenti. Infatti per la colonna sonora è stato realizzato un contest on-line, in cui chiunque poteva proporsi. Inoltre la pellicola sarà introdotta anche da un fumetto ispirato alla storia ed ai personaggi del film, ideati e scritti da Alessandro Fabbri, Ludovica Rampoldi e Stefano Sardo, autori delle serie tv “In Treatment” e “1992″. Il fumetto uscirà in tre albi in formato comic book, di cui il primo numero debutterà il 30 Ottobre, in occasione di “Lucca Comics&Games”.
Del cast fanno parte gli esordienti e giovanissimi Ludovico Girardello e Noa Zatta, che saranno affiancati da Valeria GolinoFabrizio BentivoglioKsenia Rappoport.

Commenta... la tua opinione è importante.

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*