I pro ed i contro del parto in acqua

Scritto da   il   Nessun commento

Prima di decidere se intervenire con un tradizionale parto o con quello in acqua, ho deciso di darvi qualche informazione in più per quanto riguarda questa tipologia di parto: più precisamente, oggi parleremo dei pro ed dei contro di questo parto, così che tu possa decidere al meglio come procedere per far la nascita del tuo bambino.

Iniziamo dai pro e per prima cosa ti dico che il parto in acqua può essere, per certi versi, meno doloroso giacché l’azione del calore dell’acqua insieme al rilascio di endocrine vanno ad agire sul corpo della donna. L’acqua, quindi, svolge un’azione rilassante, anti-stress e anti-ansia. Il peso del pancione, peraltro, va ad annullarsi in acqua proprio perché vi è l’assenza di gravità in acqua e inoltre il travaglio potrà essere meno traumatico giacché ogni movimento si potrà assecondare al meglio.

Ma non è tutto poiché vi sono anche vantaggi per il nascituro: l’acqua, molto simile all’ambiente dove il vostro piccolo è cresciuto per nove mesi,  e quindi vi sarà un passaggio meno traumatico dal pancione al mondo esterno per il bambino.

Ora è il momento dei contro: il parto in acqua esclude la possibilità di intervenire con l’epidurale, giacché solitamente si utilizza un catetere che però non può entrare in acqua. Inoltre, bisogna anche far attenzione al fatto che non vi siano problemi da parte della gestante con ipertensione arteriosa o gestori.

Copywriter professionista appassionata di tutto ciò che riguarda la bellezza e la moda. Proprietaria del portale GlamChicBold.com.

Commenta... la tua opinione è importante.

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*