Eva Henger non fa marcia indietro rispetto alle accuse ai danni di Francesco Monte e, ospite di Domenica Live, ribadisce la sua versione dei fatti

Scritto da   il   Nessun commento

. Per dar credito alla storia che racconta, e per la quale l’ex naufrago ha promesso di darle battaglia in tribunale, l’attrice ha ricordato che sarebbe stato lo stesso Francesco ad ammettere le sue colpe in diretta all’Isola dei famosi, per poi ritrattare: “Anche io pensavo che Francesco fosse un bravissimo ragazzo. Vorrei ricordargli la prima puntata, poteva negare immediatamente e invece mi ha chiesto di tirare fuori i nomi degli altri. In un primo momento, lui lo ha ammesso, poi gli è stato consigliato di negare. Se lo avesse ammesso, sarebbe finita lì. Quando non eravamo in collegamento ha detto: “Che vuoi che sia uno spinello?”. Non va bene e la gente non è stupida. Io lo avevo detto già prima della nomination. Ho fatto presente a 8 persone in Honduras che cosa stava accadendo. Dicevo a Francesco che la marijuana è droga, che è illegale e che gli faceva male. Sono stata nominata per questo, gli stavo sulle scatole. Anche la Cipriani aveva detto che si sarebbe lamentata con la produzione. È una ragazza molto intelligente. Eravamo in 17, ci sarà qualcuno che avrà il coraggio di commentare. Sarebbe utile che lui ammettesse di avere sbagliato.” Sostiene che Monte avrebbe dovuto chiedere scusa
Pur ammettendo di avere sbagliato a denunciarlo in diretta tv durante una puntata dell’Isola, Eva sostiene che sarebbe finito tutto nel corso di quella stessa puntata se solo Francesco avesse chiesto scusa: “Lui mi ha deluso. Se avesse semplicemente chiesto scusa, ancora sarebbe stato sull’Isola. Sarebbe finito tutto lì, ma non mi faccio mettere i piedi in testa da un uomo di 30 anni. Ha cercato di farmi passare per bugiarda. Il suo attacco nei miei confronti durante la prima puntata, c’era un motivo. Per tutta la settimana io gli avevo rotto le scatole per la canna, per questo lui ha deciso che io dovevo sparire: aveva paura che venisse fuori”. Voi, che ne pensate di questa vicenda?

Commenta... la tua opinione è importante.

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*