Gabriel Garko si racconta a “Gay.it”, risponde alle domande sulla sua presunta omosessualità. Una leggenda metropolitana che, molto spesso, anticipa e precede la reputazione di uno degli attori più belli e desiderati degli anni ’90.

Scritto da   il   Nessun commento

Gabriel Garko si racconta a “Gay.it”, risponde alle domande sulla sua presunta omosessualità. Una leggenda metropolitana che, molto spesso, anticipa e precede la reputazione di uno degli attori più belli e desiderati degli anni ’90.

Gabriel Garko a domanda risponde molto chiaramente. E punta il dito anche ai giorni di Sanremo, quando una sua affermazione sulle unioni civili fu travisata e strumentalizzata anche politicamente: “È un altro cliché che vuole che tutti gli attori più belli siano gay, così come che tutte le belle donne siano delle potenziali mignotte. Mi infastidisce quando un omosessuale si diverte a puntare il dito, verso un altro individuo, tacciandolo a tutti i costi di essere gay, come se poi fosse una cosa brutta. Se una persona è risolta, e vive bene la propria sessualità, non avrà mai tutta questa voglia di dispensare etichette qua e là. Mi dispiace, ad esempio, quando a Sanremo venne strumentalizzata la mia affermazione sulle unioni civili. Io mi limitai a dire che due individui, di qualsiasi natura, dovevano e potevano fare quello che meglio credevano, a patto che fossero entrambi consenzienti, ma anche in quel caso venne vista una certa, ed inesistente, chiusura da parte mia.” Ovviamente, il secondo tema più battuto è quello del volto cambiato in relazione a presunti ritocchi estetici, anche in questo caso lui cerca di affrontare nel migliore dei modi un discorso che negli ultimi tempi lo ha pesantemente penalizzato. “Quella fu l’unica volta dove mi piegarono davvero le gambe. Fino ad allora, venivo attaccato su tutto, ma mai sull’aspetto esteriore. Era una cosa, forse l’unica, su cui ho sempre pensato di essere inattaccabile. Ne sono uscito grazie a degli amici che, vedendomi come ci ero rimasto, mi portarono in barca via da tutto e tutti, l’unica, su cui ho sempre pensato di essere inattaccabile. Ne sono uscito grazie a degli amici che, vedendomi come ci ero rimasto, mi portarono in barca via da tutto e tutti, cellulare compreso.

Commenta... la tua opinione è importante.

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*