GF, Franco Terlizzi: “Mio figlio gay? Non sarebbe un problema” e sulla sua malattia spiega: “Finalmente si è liberato di un peso”

Scritto da   il   Nessun commento

Torna a parlare del figlio, Michael Terlizzi, il papà Franco, e lo fa raccontando alcuni aneddoti sulla malattia del figlio e su quanto abbia sofferto in passato proprio a causa della sua malformazione.

In una lunga intervista al settimanale Di Più in edicola, Franco Terlizzi spiega: “Per far curare mio figlio Michael ho anche dovuto chiedere alcuni prestiti, ma non mi è mai importato: per lui avrei fatto qualsiasi cosa. Sono convinto di aver fatto la scelta giusta”

E sulle voci di una presunta omosessualità del figlio, che Michael stesso ha sempre negato, papà Franco risponde: “Non sarebbe comunque un problema. Lui ha avuto moltissime avventure anche se credo che non si sia mai innamorato seriamente di nessuna ragazza”

Tornando poi a parlare della malattia del figlio, Franco conclude: “Finalmente Michael ha capito che può essere amato nonostante la sua malattia… Ora ne sono certo, si è finalmente liberato da un peso portato dentro per anni”
Franco fa sapere che fin da piccino Michael ha combattuto con la malattia. Una rarità che ha avuto bisogno di cure e visite specifiche e costose che hanno spinto l’ex pugile a fare più lavori per sostenerle: “Ho anche dovuto chiedere alcuni prestiti, ma non mi è mai importato: per mio figlio avrei fatto qualsiasi cosa”. A un certo punto c’è stata anche la possibilità di un’operazione. L’intervento, però, sarebbe stato dall’esito incerto e si è preferito evitarlo: “Sono convinto di aver fatto la scelta giusta”. Terlizzi senior confida che Michael, in adolescenza, subì atti di bullismo dai coetanei (“Lo ho saputo molti anni dopo”), situazione che lo ha spinto a chiudersi in sé e a rifugiarsi nello studio. Poi però è riuscito a riemergere, anche grazie alla palestra dove “si è fatto nuovi amici, ha trovato nuovi stimoli, ha ricominciato a uscire.”

Commenta... la tua opinione è importante.

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*