La storia del triangolo amoroso tra Cecilia Rodriguez, Ignazio Moser e Francesco Monte, nata sotto il tetto della Casa del Grande Fratello Vip e poi indagata nei particolari alla luce del sole del gossip, torna argomento di discussione nell’intervista che la sorella piccina (si fa per dire) di Belen ha rilasciato a Oggi.

Scritto da   il   Nessun commento

La storia del triangolo amoroso tra Cecilia Rodriguez, Ignazio Moser e Francesco Monte, nata sotto il tetto della Casa del Grande Fratello Vip e poi indagata nei particolari alla luce del sole del gossip, torna argomento di discussione nell’intervista che la sorella piccina (si fa per dire) di Belen ha rilasciato a Oggi.

Pizzicata da Striscia la Notizia in atteggiamenti equivoci con l’ex fidanzato Francesco Monte, la ex gieffina ha tenuto a puntualizzare la verità sulla circostanza che ha sollevato più di qualche sopracciglio in merito alla sincerità della sua relazione con Ignazio Moser. “Ma che cosa pensano, che io sia una che prende in giro il pubblico?… Io, quando faccio una scelta, e ho scelto Ignazio, non cambio idea” ha precisato Cecilia ribadendo di non aver mai pianificato nulla su un presunto ritorno di fiamma con l’ex fidanzato Monte al termine dell’Isola dei Famosi, programma che il concorrente ha dovuto lasciare per il cosiddetto ‘canna-gate’. “Io sono gelosa e non sarei contenta per nulla se Ignazio frequentasse una sua ex” ha aggiunto ancora la ragazza che ha ammesso di aver incontrato Francesco Monte una volta finito il GF Vip: “Siamo stati insieme per cinque anni, era giusto farlo. Ci siamo chiariti, abbiamo riso, abbiamo pianto e poi basta”. Il commento sulla vicenda è arrivato anche da Ignazio Moser: “Consiglierei di leggere meno Dan Brown. Chiedo a tutti di essere più rilassati e di pensare di più ai loro rapporti amorosi piuttosto che al nostro” ha dichiarato il fidanzato, deciso a preservare il rapporto in cui crede.

Commenta... la tua opinione è importante.

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*