Stefano De Martino all’Isola dei Famosi. Arriva il gesto di Belen Rodriguez

Scritto da   il   Nessun commento

Stefano De Martino all’Isola dei Famosi. Arriva il gesto di Belen Rodriguez

Stefano De Martino alla sua prima puntata dell’Isola dei Famosi 2018 come inviato ha sbalordito tutti per la sua spontaneità, ironia e per il suo fisico niente male che ha sfoggiato in un apprezzabile spogliarello in diretta. Anche Belen Rodriguez e Santiago lo guardavano in tv? Ecco il gesto della showgirl e mamma del piccolo Santiago arrivato proprio durante la trasmissionePrima di tuffarsi ha detto: “Ciao Santi papà ti ama tanto”.
Poi toglie la maglietta e mette in mostra tutti i suoi tuatuaggi, neanche a dirlo, social in delirio per il fisico da urlo di De Martino.
Il nuovo inviato, a differenza dei suoi predecessori mostrerà ai naufraghi tutte le prove mostrandole in prima persona. Raggiunta l’Isola a nuoto la Marcuzzi gli chiede: “Vuoi fare qualche dichiarazione?”, “De Martino: “no ne ho fatte abbastanza, preferisco andare oltre”,e sorride,che sia una frecciatina alla sua ex Belen?
Il ballerino di Amici, infatti, è sembrato a suo agio davanti alle telecamere, non si è scomposto di fronte a situazioni difficili da gestire e ha fatto divertire i telespettatori con qualche battuta. Ma proprio una battuta ha attirato l’attenzione del pubblico. Dopo essersi buttato dall’elicottero, infatti, Stefano De Martino ha raggiunto l’Isola e la conduttrice gli ha domandato se voleva rilasciare qualche dichiarazione. Ma ecco che qui arriva il bello.

Il ballerino, con il sorriso stampato sulle labbra, ha replicato: “Dichiarazioni? Nella vita penso di averne già fatte troppe, per questa volta passo”. La battutina simpatica di Stefano ha subito catalizzato l’attenzione del pubblico che ha associato il commento del ballerino alla ex moglie Belen Rodriguez. In effetti, i due, in passato ne hanno fatte di dichiarazioni.

Commenta... la tua opinione è importante.

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*