Lo Sdijuno è una ricetta per la longevità

Scritto da   il   Nessun commento

Tra le tradizioni abruzzesi c’è quella dello “sdijuno”, quel pranzo ricco consumato attorno alle 11 del mattino soprattutto nel mondo rurale di questa regione: ebbene, secondo una ricerca dell’Università di Teramo, proprio questa abitudine si trova alla base della longevità di tante persone. Lo studio “Centenari”, infatti, prendendo in considerazione i noventenni e i centari di Abruzzo, ha posto l’accento su abitudini a tavola e metabolismo degli anziani, giungendo a questa interessante conclusione.

Su 150 comuni abruzzesi presi in esame contraddistinti da una particolare longevità degli abitanti – paragonabile a quella riscontrata a Villagrande, in Sardegna – è emerso che le aree con persone longeve sono maggiormente interne e a ridosso del Gran Sasso, Majella e Marsica. Lo Sdijuno, da questo punto di vista, è una tradizione alimentare che si tramanda ancora oggi tra gli anziani, ed essendo consumato prima di mezzogiorno, permette poi di consumare un pasto leggero alla sera.

Questo approccio abruzzese all’alimentazione – nato ben prima delle più recenti linee guida che suggeriscono di mangiare di meno la sera, privilegiando un pranzo più abbondante – asseconda la necessità di consumare meno calorie di sera, quando il metabolismo solitamente rallenta, secondo il ritmo circadiano.

Copywriter professionista appassionata di tutto ciò che riguarda la bellezza e la moda. Proprietaria del portale GlamChicBold.com.

Commenta... la tua opinione è importante.

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*