La rivelazioni di Cecilia: era tutto programmato tra Luca e Soleil

Scritto da   il   Nessun commento

Dal momento in cui è andata in onda la quinta puntata del Grande Fratello Vip, con espresso riferimento alla fine della storia tra Luca Onestini e Soleil Sorgè, il pubblico si è spaccato in due fazioni: da una parte c’è chi crede all’ex tronista e condanna la sua ex, dall’altra chi ritiene che quella andata in onda ieri sera sia stata solo una farsa orchestrata allo scopo di ottenere consensi.

Ad avallare questa tesi sono state alcune rivelazioni che Cecilia Rodriguez ha affidato a Veronica Angeloni, sua compagna di gioco nella Casa del GF Vip. A puntata terminata, mentre si stava cercando di trovare un senso a quanto accaduto, la sorella di Belén ha chiamato da parte la pallavolista per raccontarle che già sapeva da settimane che qualcosa de genere sarebbe accaduto. Va ricordato che Cecilia è la fidanzata di Francesco Monte il cui fratello, Stefano, ha seguito per qualche tempo sia Luca che Soleil come agente. Intenzionata a vederci chiaro, Cecilia ha confidato all’amica quanto le era stato raccontato:
“Un po’ di verità c’era. Che poi lui volesse lasciare lei o viceversa non lo so, ma mi avevano detto che lui si scambiava messaggi con l’altra ragazza. Vai a sapere quello che si sono detti. Luca ha confermato adesso.”
Veronica ha appreso la confessione di Cecilia, per poi commentare: “La cosa grave sarebbe se fosse stato architettato il fatto di lasciarsi in diretta”. A quel punto, però, la sorella di Belén ha fatto marcia indietro, aggiungendo di essere portata a credere alla versione di Onestini nonostante le confidenze raccolte prima del suo ingresso nella Casa:
“Non ci credo perché non è quello che è successo. Quello che è stato detto a me è che lui la voleva lasciare qua e non è quello che è successo. È accaduto il contrario. È stata lei a fare quello che ha fatto.” Voi? Che ne pensate?

Commenta... la tua opinione è importante.

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*