Viso sempre aperto al sorriso, espressione sbarazzina e muscoli d’acciaio: sono queste le caratteristiche che hanno reso Stefano Laudoni un personaggio interessante per il mondo dei social network.

Scritto da   il   Nessun commento

Viso sempre aperto al sorriso, espressione sbarazzina e muscoli d’acciaio: sono queste le caratteristiche che hanno reso Stefano Laudoni un personaggio interessante per il mondo dei social network. Il giovane, cestista 28enne in forze all’Olimpia Basket Matera, è conosciuto sul web anche in virtù della storia d’amore con Valentina Vignali, cestista a sua volta e modella. Insieme stanno partecipando a The hottest swimsuit, il format di Mtv che ha raggruppato diversi tra gli influencer più noti in Italia pescando soprattutto tra le file dei personaggi usciti dall’utlima edizione di Uomini e Donne.

Stefano è un campione alto quasi 2 metri (1,98 per la precisione) nato il 24 marzo del 1989 a Palestrina, in provincia di Roma. Ha cominciato a giocare a basket fin da giovanissimo. La sua storia con la Vignali è cominciata poco più di 4 anni fa e prosegue ancora oggi. Sono numerose le foto pubblicate sui social che raccontano il loro amore vissuto tra eventi glamour e la comune passione per lo sport. La Vignali ha partecipato al dating show condotto da Maria De Filippi da corteggiatrice per un breve periodo ed è tornata in auge di recente a causa delle liti con Soleil Sorgè, attuale fidanzata di Luca Onestini.

Come il fidanzato, anche lei partecipa al nuovo format di Mtv. Stefano pubblica sempre più frequentemente foto in cui appare in compagnia di Mattia Marciano, ex corteggiatore di Desirèe Popper. Anche lui, come Laudoni, è tra i protagonisti del medesimo contest. Tra i due è nata una forte amicizia che ha deliziato le fan. Ribattezzati il “duo delle meraviglie”, si divertono a sfoggiare i rispettivi muscoli, “improvvisando” pose plastiche che fanno incetta di like.

Commenta... la tua opinione è importante.

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*